Gramigna rossa (Cynodon dactylon) PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 14 Giugno 2011 14:36
Gramigna rossa Gramigna rossa
Clicca sulle immagini per ingrandirle
 
Famiglia:
Gramicacee
Altri nomi della gramigna rossa
Agropiro común, capraiola, caprinella, erba canina, erba delle Bermude, grama canina, gramigna commune,  gramoccia, gramigno, gramignone
Descrizione:
La Gramigna rossa è una pianta erbacea perenne, con un rizoma sotterraneo ramificato e fornito ai nodi di radici e gemme che producono fusti eretti o sdraiati alla base.
Le foglie sono lineari, piatte e guainanti il fusto.
L’infiorescenza è formata da tre-sette spighe, ognuna composta da numerose spighette.
Il frutto è una cariosside.
Dove si trova:
La Gramigna rossa è comune dal mare alla regione submontana, nei luoghi erbosi, nei campi e in tutti i luoghi incolti.
Parti utilizzate:
Della Gramigna rossa si raccoglie il rizoma tutto l’anno (meglio, però, in settembre-ottobre, o in marzo-aprile).
Si pulisce dalla terra e si eliminano le radichette laterali, poi si essiccano al sole o si appendono in mazzetti e si conservano in sacchetti di carta o di tela.
Tempo di raccolta e conservazione:
 
Come si coltiva:
Si impianta facilmente per via vegetativa anche su terreni preparati grossolanamente; la semina è più rara e, comunque, va fatta su letto ben affinato con almeno 10 Kg di seme per ha. La Cynodon dactylon risponde assai prontamente alla concimazione azotata.
Notizie e curiosità: 
. La gramigna è molto apprezzata dai maiali. Se volete sbarazzarvi di questa pianta infestante, utilizzate questi animali, che, scavando nel terreno, estirpano i rizomi
Principi attivi:
Fruttosano, triticina, mannitolo, inositolo, acido malico, mucillagini, saponina, vanilligloside, amigdalina, agropirene in olio essenziale, acido silicico, sali di potassio e di ferro, vitamine A, B.
Proprietà:
La Gramigna rossa ha proprietà diuretiche, depurative, antiinfiammatorie, rinfrescanti, dissetanti.
Si usa come decotto per depurare l’organismo nel periodo primaverile, è utile per le infiammazioni dei reni e dell’apparato urinario in generale e per eliminare i piccoli calcoli.
Preparazione e uso:
Uso interno:
Per aumentare la diuresi, rinfrescare, dissetare.

Decotto
Fate bollire due manciate di rizoma di gramigna in un litro d'acqua per un minuto circa, filtrate e gettate l'acqua di cottura.
Lavate e pestate bene il rizoma, fatelo bollire nuovamente in un altro litro d'acqua per 10-15 minuti e dolcificate con zucchero o miele.

Tintura
20 g di rizoma in 100 ml di alcool a 20 gradi ( a macero per 10 giorni). Tre-quattro cucchiaini al giorno.
La gramigna rossa in cucina
Conosciuta anticamente per essere stata usata come ingrediente da unire alla farina per la panificazione, la gramigna fu impiegata anche nella preparazione della birra. Le foglie tenere possono essere mangiate in insalata. I germogli, biancastri e teneri, vanno lessati e conditi con buon olio. Sono un piatto nutriente e gustoso, nonchè curioso e insolito.
Ricette:

Attenzione!

1) Tutte le notizie riportate in questa sezione hanno solo uno scopo informativo. In nessun caso si vuole indurre ad auto-diagnosi o auto-terapia, questo può essere molto pericoloso. Solo un medico può effettuare diagnosi o terapia, per problemi di ordine sanitario rivolgersi al consiglio di un medico.
2) Ricordiamo che la raccolta di gran parte delle piante di questo sito è soggetta alle norme regionali per la protezione della flora spontanea.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Luglio 2011 13:15